leggendo-dahl

Che cosa farò di buono nella vita che chi verrà dopo di me potrà ricordare?
Chissà se Roald Dahl se lo è mai chiesto.
Perchè se è vero che la maggior parte di noi lo ha consacrato alla storia come uno dei migliori scrittori per bambini, la sua vita a ben vedere è assai ricca di episodi che meritano di essere rammentati e che spesso si sono intrecciati alle sue storie.
Un esempio?
Di origine norvegese, ma cresciuto nel pieno della cultura britannica, Dahl negli anni del secondo conflitto mondiale si arruola nella RAF, l’aviazione inglese, e non è un caso quindi che i suoi primi esperimenti di scrittura raccontino di avventure volanti.
E’ solo però dalla fine degli anni 50 del 1900 che Dahl si cala completamente nei panni dello scrittore.

lettura la fabbrica di cioccolato

Ieri, tra le pareti di Bufò, ho raccontato ai bambini la storia di Charlie e del suo strabiliante incontro con Willy Wonka, proprietario della fabbrica di cioccolato più grande del mondo. E’ un romanzo che Roald Dahl scrisse, pensate un po’, nel 1964, e che ancora oggi è capace d’incantare grandi e piccini.
Perchè? Perchè dentro c’è tutto: la meraviglia mescolata all’eccitazione della curiosità e della scoperta, il confronto tra le generazioni, l’umiltà e la semplicità contrapposte al vizio e al capriccio, il tema del viaggio inteso come opportunità di crescita e molto altro ancora.
E poi il cioccolato, ovviamente! Un bambino ha detto che una vita senza cioccolato sarebbe impossibile e penso che non esista definizione migliore.

tavoletta-di-cioccolato

Abbiamo scartato una mega tavoletta (immaginate le facce dei piccoli di fronte a più di 2 kg di cioccolato???) e dentro abbiamo trovato perfino un biglietto d’oro con un messaggio di Dahl:

Se i vostri pensieri sono gentili,

vi illumineranno il viso

come raggi di sole,

e apparirete sempre belli

Abbiamo mangiato insieme, sporcandoci le dita e attendendo così la storia successiva, quella che ha consacrato Dahl sul panorama editoriale e ha segnato una svolta sul campo della letteratura per l’infanzia.

merenda-pane-e-cioccolato
Nel 1983 escono “Le streghe” e ieri abbiamo scelto di raccontarle così: con la luce spenta e la voce di Leyre, abile cantastorie, che ha svelato ai bambini i segreti per riconoscerle e non lasciarsi ingannare dai loro tranelli.

lettura-le-streghe

In tanti hanno scelto questi due libri da donare alle persone colpite dal terremoto dello scorso agosto.
Sono commossa dalla generosità delle persone che hanno aderito a questa piccola raccolta di beneficenza.

E io ho pensato che se da qualche parte Dahl ci avesse visto, sono certa che avrebbe sorriso. Si sarebbe sicuramente fatto un giro tra le tante librerie che ieri hanno scelto di festeggiarlo, di dirgli grazie per le storie che ci ha regalato.
Ho anche creduto che questo fosse il solo modo per rendergli onore: leggere, leggerlo.
Perchè così avrebbe voluto.

Grazie a tutti coloro che ieri hanno partecipato alla festa.
Grazie al Ristorante McDonald’s di Via Monginevro per la merenda e l’aiuto.